LE CARNE DEL FUTURO È VEGETALE

Condividi
Condividi

Proteine vegetali ricavate dal fagiolo verde indiano per soppiantare quelle di origine animale: ecco la recente invenzione dell’azienda californiana Eat and Just, specializzata nella produzione di uova plant-based e carne coltivata. 

La polvere proteica del fagiolo, certificata come “non svantaggiosa” dal punto di vista nutrizionale e sicura, rappresenta un passaggio chiave lungo l’avanzata delle proteine a base vegetale, un mercato che negli ultimi anni ha vissuto un vero e proprio boom, posizionandosi nei principali trend di mercato.

Si prevede uno scenario esplosivo per le proteine alternative, come dimostra uno studio del Boston Consulting Group intitolato “Food for Thought. The Proteine Transformation”, nel quale si afferma che nel 2035 si potrebbe raggiungere un fatturato globale di 290 miliardi di dollari. Il consumo globale di questi prodotti passerà dagli attuali 13 a 97 milioni di tonnellate l’anno, raggiungendo così una quota dell’11% dell’attuale consumo totale di proteine animali. 

Si parla di un mercato piuttosto complesso, dove coesistono due filosofie produttive: le proteine derivate dai vegetali – come piselli, fagioli e soia – da un lato e quelle prodotte dai lieviti, batteri e alghe dall’altro. Lo scopo ultimo è però il medesimo: ottenere prodotti in tutto e per tutto sostitutivi della carne, del pesce, dei formaggi e delle uova. 

Secondo il report del Boston Consulting Group, le proteine a base vegetale raggiungeranno la parità in termini di gusto, consistenza e prezzo con carne, uova e latticini entro il 2023.

La prima “carne vegetale” è arrivata in Italia nel 2018 con il burger di Beyond Meat: da questo momento in poi, la lista di locali e ristoranti con prodotti a base vegetale nel menu sono aumentati in maniera esponenziale. L’iniziale effetto curiosità ha lasciato il posto al consolidamento di questa tipologia di consumo. 

Colossi quali Burger King e Hamerica’s hanno scommesso su questa tendenza, il primo introducendo il plant based burger e i nuggets di pollo vegetale, il secondo aprendo a Bologna il primo ristorante 100% plant based con burger, panini e nuggets di pollo rigorosamente di origine vegetale.

Sostenibilità e “rivoluzione green” sono le parole chiave di un futuro che è già presente e pervade le nostre tavole, le nostre abitudini di vita, la nostra identità.