COSTRUIRE UNA BRAND IDENTITY CON LA MUSICA… IT’S POSSIBLE!

Condividi
Condividi

La costruzione di un’efficace brand identity richiede l’individuazione di elementi valoriali specifici in grado di collocare la marca nella mente del consumatore, differenziandola positivamente da quelle esistenti. Il trend attuale riscopre e innova le potenzialità della musica sull’argomento e a fornire supporto nella definizione del rapporto tra brand e suono è Spotify, la piattaforma streaming fondata in Svezia nel 2008 e che conta oggi 299 milioni di utenti complessivi. Come? Dopo decenni di egemonia da parte delle immagini, ora l’attenzione è tornata anche sul suono: le persone sono infatti alla ricerca di modalità alternative di intrattenimento e formazione.

Un sondaggio del febbraio 2019 sul trend di Spotify nel Regno Unito conferma l’ipotesi: il 55% degli intervistati tra i 15 e i 37 anni ritiene che ci sia troppa stimolazione visiva e che l’audio offra una buona via di fuga, mentre il 51% dichiara che l’audio è ormai passato dall’essere qualcosa su cui si sintonizzano a qualcosa che circonda completamente la loro vita quotidiana. Spotify è una perfetta espressione della social media culture e la supera, mostrando l’infinita possibilità di worldwide connection tra persone, attraverso il linguaggio più immediato e trasversale esistente: la musica.

L’elemento dominante è l’emotività: non potrebbe essere altrimenti trattandosi di suono, veicolo eletto per la trasmissione di stati inconsci, insieme al colore. Inoltre, la versatilità di playlist e podcast ascoltabili direttamente sul proprio smartphone permette all’utente di essere accompagnato dalla musica che ama in ogni momento della giornata, creando e mantenendo un dialogo emotivo continuo con l’esperienza che sta facendo (al lavoro, in palestra, prima di addormentarsi…).

QUANDO LA PLAYLIST IDENTIFICA IL BRAND

L’opportunità per i brand di veicolare identità, valori e mood dell’azienda in modo inedito è evidente a tutti. Descriversi attraverso una playlist musicale è quanto di più stimolante e delicato ma, allo stesso tempo, diretto e chiaro. Selezionare artisti e brani che possano rispecchiare la connotazione del brand, metterli in una sequenza definita e accessibile per dialogare quasi one to one con gli utenti, è una frontiera della brand identity che ha del pioneristico.

Pensiamo alla musica in store: inserita per ottimizzare la permanenza in negozio, stimolando così la predisposizione all’acquisto, è utilizzata dai brand più accorti non come puro sottofondo musicale ma come strumento utile a sostenere la fedeltà al marchio, studiando la connessione fra proposta musicale e merce/servizio promosso.

L’utilizzo della piattaforma streaming svedese consente alle aziende di differenziare la proposta musicale in store, adattandola alle fasi della giornata, a specifici momenti promozionali e al loro target specifico. Affinchè il rapporto sia dialogico e non autoreferenziale, è utile lasciare aperta la playlist o crearne una apposita che accolga i brani suggeriti dai supporter, sostenendoli nel definire la personale percezione del brand e precisandone i valori attraverso feedback personali.

È chiaro come un simile touch point debba in primis essere coerente alla cultura aziendale, integrandosi e comunicando efficacemente con gli altri canali (sito web, app, social media, eventi e promozioni), trovando il proprio posto nella maglia creata dal brand nella relazione con i potenziali clienti.