Che cos’è la Brand Awareness e come incentivarla

Condividi
Condividi

Brand Awareness”, termine inglese che in italiano potremmo tradurre in “conoscenza del marchio“, indica la notorietà, sia a livello quantitativo che a livello qualitativo, di una determinata azienda. 

Molteplici aspetti legati a un marchio determinano la buona riuscita di una Brand Awareness, a partire da un buon logo fino ad arrivare alla testimonianza dei vostri prodotti e servizi da parte di influencer.

L’obiettivo più alto della Brand Awareness è che i consumatori possano pensare al brand e ai prodotti quando sono alla ricerca di un determinato bene e/o servizio. Essere la prima alternativa che viene in mente ai consumatori nel momento della necessità è, infatti, indice di successo e di un livello di conoscenza molto alto, che porta fatturato.

Per far sì che tutto questo si realizzi, è fondamentale che tutto ciò che riguarda il marketing e la narrazione dell’azienda siano curati nei minimi dettagli.

Se vogliamo parlare di logo, questo dev’essere immediato, efficace e comunicativo. 

Ma non finisce qui, la cura della propria “vetrina digitale” è una buonissima base di partenza per anticipare al futuro cliente che tipo di azienda sei. Sono sempre di più le persone che si approcciano alle pagine social per scoprire l’azienda e la narrazione che ne viene fatta. 

È ormai assodato che la popolarità, unita a recensioni, commenti e likes determina la credibilità dell’attività.

È chiaro, quindi, che un buon sito e un buon seguito social semplificano l’approccio e la fiducia del futuro cliente ma a volte queste vetrine non bastano; sempre più spesso si tende a fidarsi di utenti che si seguono quotidianamente: gli influencer.

È proprio questo il motivo che spinge moltissimi imprenditori a investire parte del loro marketing nell’ingaggiare influencer che possano testimoniare la qualità e l’unicità di un prodotto, trascinando i loro followers verso la conoscenza e l’approfondimento di quel preciso marchio. 

Il segreto è fidelizzare e per farlo due sono le priorità: coerenza con ciò che viene mostrato e attenzione ad ogni singolo dettaglio, anche digitale!